Casi di Risarcimento Danni da Investimento

Fortis (ora Ageas)

Casi Fortis (ora Ageas)

Transatto (in attesa di approvazione da parte del tribunale), Belgio, 2017

Dopo mesi di trattative, Deminor, Ageas SA/NV (“Ageas”, precedentemente nota come Fortis SA/NV) e altri gruppi di ricorrenti il 12 dicembre 2017 hanno concluso un accordo transattivo modificato (l’“Accordo Transattivo Modificato”) a beneficio degli investitori Fortis. Secondo i termini dell’Accordo Transattivo Modificato, l’importo totale della transazione è stato aumentato di ulteriori € 100 milioni per un totale di € 1,3 miliardi. La transazione da € 1,2 miliardi raggiunta il 14 marzo 2016 (la “Transazione del 2016”) già allora rappresentava la più grande transazione di pretese mai raggiunta degli investitori in Europa.

Nel maggio 2016 la Transazione del 2016 è stata presentata dalle parti negoziali al tribunale di Amsterdam nei Paesi Bassi affinché dichiarasse l’accordo generalmente vincolante per tutti gli azionisti idonei secondo la legge olandese sulle transazioni collettive di pretese di massa (WCAM) ). Nel giugno 2017, il tribunale ha formulato osservazioni sul testo dell’accordo proposto e ha raccomandato alle parti di modificarlo al fine di tenerne conto prima di dichiarare l’accordo vincolante.

Deminor, Ageas e le altre parti della transazione hanno avviato negoziati che sono durati quasi 6 mesi e che hanno portato all’Accordo Transattivo Modificato. Deminor crede fermamente che l’Accordo Transattivo Modificato rappresenti il ​​miglior risultato raggiungibile nell’interesse degli investitori Fortis, compreso il gruppo di investitori individuali e istituzionali rappresentato da Deminor, tenendo conto delle osservazioni formulate dal tribunale di Amsterdam.

L’Accordo Transattivo Modificato sarà ora presentato al tribunale di Amsterdam. Deminor è confidente che il tribunale approverà gli emendamenti e dichiarerà l’accordo generalmente vincolante. Una decisione affermativa del tribunale consentirà agli azionisti Fortis di ricevere un risarcimento per le perdite subite.

Clicca qui per ulteriori informazioni