search icon Hamburger icon Times icon Caret Down icon Quote Left icon Facebook icon Linkedin icon Linkedin icon box twitter icon Google plus icon Youtube icon Angle Left Icon Angle Right Icon Download Icon Hubspot Icon Align Justify Icon Angle Down Icon home Icon check Icon check Icon

Recupero Investimenti

Credit Suisse – Greensill it_IT

Deminor indaga su una potenziale vendita impropria di fondi supply chain assicurati
SHARE

Greensill Capital, società specializzata nel finanziamento delle supply chain, ha presentato un’istanza di protezione dall’insolvenza nel marzo 2021. Gli investitori in fondi assicurati esposti a Greensill, strutturati e promossi da Credit Suisse, molti dei quali credevano di investire in strumenti finanziari alternativi ai fondi monetari, potrebbero perdere tutto o una parte sostanziale dei loro investimenti.

Chi è Greensill?

Greensill è una società di servizi finanziari britannica fondata dal banchiere e uomo d’affari australiano Lex Greensill. Greensill si è autoproclamata come una startup tecnologica che concorreva con le banche tradizionali nell’offrire soluzioni di “supply chain finance”. Invece di mantenere gli obblighi di pagamento dei propri clienti sul suo bilancio come una banca tradizionale, Greensill Capital li cartolarizzava in strumenti simili alle obbligazioni e li vendeva a società di servizi finanziari.

Cosa è andato storto e come sono stati colpiti gli investitori nei fondi supply chain assicurati di Credit Suisse

Il supply chain finance è in genere visto come un investimento sicuro perché si basa semplicemente sull’attesa che una società paghi per i beni già ricevuti e, cosa più importante, perché il rischio di credito sottostante è tipicamente coperto da un’assicurazione. Tuttavia, mentre Greensill inizialmente praticava un supply chain finance relativamente semplice, man mano che cresceva, finanziava sempre di più non solo gli obblighi esistenti dei clienti, ma anche le fatture future per le quali prevedeva semplicemente che i clienti avrebbero cercato un finanziamento, definite da Greensill “crediti commerciali futuri”.

Durante la scorsa estate, il principale assicuratore di Greensill (Tokio Marine) avvisò Greensill che a sua discrezione avrebbe potuto non rinnovare la sua copertura assicurativa. Nel settembre del 2020, Tokio Marine notificò a Greensill che la sua copertura assicurativa non sarebbe stata rinnovata 6 mesi dopo, il 1° marzo 2021. Greensill non fu in grado di trovare un sostituto per Tokio Marine e solo pochi giorni prima che la polizza scadesse avviò un’azione legale per costringere Tokio Marine a mantenere la copertura. Tuttavia, la Corte Suprema del New South Wales in Australia respinse il caso, citando gli avvisi di Tokio Marine. Quando arrivò il 1° marzo e le polizze assicurative non furono rinnovate, Credit Suisse stabilì che i fondi dovevano essere chiusi, impedendo ai suoi clienti di ritirare i loro investimenti.

Credit Suisse ha fatto qualcosa di sbagliato?

Credit Suisse ha strutturato e promosso fondi assicurati esposti a Greensill a investitori in cerca di rendimenti come strumenti sicuri e come alternativa ai fondi monetari in quanto assicurati. Credit Suisse era inoltre il gestore dei fondi.

È fuori dubbio che gli investitori non siano stati informati durante l’estate 2020 che il principale assicuratore si era ritirato e che quindi i fondi non sarebbero più stati completamente assicurati a partire dal 1° marzo.

Non è chiaro quando esattamente Credit Suisse è venuta a conoscenza del fatto che la principale assicurazione di Greensill non sarebbe stata rinnovata. Credit Suisse ha affermato di aver appreso del rifiuto di Tokio Marine di rinnovare le sue polizze solo nel febbraio 2021. Tuttavia, esistono rapporti secondo i quali almeno dall’estate del 2020 Credit Suisse contemplava l’istituzione di una regola che avrebbe richiesto a Greensill di diversificare le compagnie di assicurazione, il che indica che Credit Suisse aveva visibilità sullo stato della copertura assicurativa di Greensill. Potrebbe anche esserci una differenza tra ciò che Credit Suisse sapeva effettivamente e ciò che Credit Suisse avrebbe dovuto sapere come promotore e gestore dei fondi assicurati esposti a Greensill.

Possibili opzioni di recupero per gli investitori?

Non è ancora chiaro in che misura gli investitori saranno in grado di recuperare i propri investimenti e se e come le polizze assicurative copriranno gli investimenti fatti dai fondi prima del 1° marzo 2021.

In questa fase della nostra indagine, la nostra domanda principale è la seguente: perché Credit Suisse ha continuato a commercializzare questi fondi come prodotti totalmente assicurati e investimenti a basso rischio e ben diversificati alla luce della decisione presa dalle compagnie di assicurazione durante l’estate 2020 di non rinnovare le polizze assicurative? Riteniamo che una volta che la principale compagnia assicurativa si è ritirata, il profilo di rischio dei fondi sia cambiato drasticamente rispetto a come erano stati promossi da Credit Suisse in precedenza. Gli investitori, tuttavia, non sono stati informati di conseguenza e a tempo debito, e quindi gli investitori hanno una potenziale pretesa nei confronti di Credit Suisse.

Inoltre, i fattori di rischio menzionati nei prospetti di Credit Suisse non indicano che le compagnie di assicurazione avessero la possibilità, a loro discrezione, di non rinnovare le polizze. Se la copertura assicurativa fosse stata limitata nel tempo con possibile rinnovo a discrezione degli assicuratori, ciò avrebbe dovuto essere chiaramente indicato nei prospetti come un fattore di rischio separato in modo che gli investitori sarebbero stati consapevoli che la protezione era limitata e i prodotti non erano “totalmente assicurati”, come promosso da Credit Suisse.

Credit Suisse ha dichiarato di essere stata informata dell’annullamento delle polizze assicurative solo nel febbraio 2021. Ciò sembra essere potenzialmente falso o un’indicazione di grave negligenza, poiché Credit Suisse ha strutturato e gestito i fondi ed era al corrente delle finanze di Greensill, avendo prestato a Greensill 140 milioni di dollari in previsione di una IPO consigliata da Credit Suisse.

Inoltre, la concentrazione dei rischi su alcune controparti e varie transazioni con parti correlate tra Greensill, il Vision Fund di Softbank, le attività del magnate dell’acciaio Sanjeev Gupta e Credit Suisse richiedono ulteriori chiarimenti in quanto sembra che i crediti sottostanti fossero meno diversificati di quanto originariamente presentato da Credit Suisse.

Attualmente stiamo esaminando le opzioni legali a disposizione degli investitori per recuperare le perdite subite.

Se desideri essere informato sulle nostre iniziative, contatta Edouard Fremault (edouard.fremault@deminor.com)

Se hai investito in fondi Credit Suisse con esposizione a Greensill ti invitiamo a fornire i tuoi riferimenti e uno dei nostri esperti ti contatterà. Inoltre, fornendo i tuoi riferimenti potremo tenerti informato sullo stato delle nostre indagini e sulle eventuali azioni di recupero che proporremo agli investitori interessati. I tuoi dati saranno mantenuti strettamente confidenziali e nel rispetto del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, e non saranno utilizzati per nessun altro scopo se non quello di tenerti informato sullo stato delle nostre indagini e sulle eventuali azioni di recupero proposte.

Registrati al caso (gratis)

Nome della società

Credit Suisse – Greensill
Regno Unito  

Referente

✉️ Edouard Fremault

Ulteriori letture

Cartello degli Autocarri

Cartello degli Autocarri

Ultima possibilità di partecipare all’azione collettiva di Deminor tesa a ottenere il risarcimento delle perdite subite a causa del cartello degli ...

Per saperne di più
Cartello italiano del cartone ondulato

Cartello italiano del cartone ondulato

Il 17 luglio 2019 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (“AGCM”) ha concluso un’istruttoria accertando l’attuazione di due distinte ...

Per saperne di più
Newsletter